Quando l’antirazzista non sa d’essere razzista

Una poesia che lessi molti anni fa parlava dell’infanzia come dell’epoca in cui eravamo circondati da giganti e “conoscevamo il soffitto dei tavoli” (purtroppo lo ricordo a memoria, non so più di chi fosse). Mi c’è voluta una poetessa per farmi scoprire una cosa che non sapevo di sapere, scoprendo che anche io ho il preciso ricordo del “soffitto” del tavolo di cucina di mia madre (nelle cui scanalature collezionavo i tappi di stagnola delle bottiglie del latte), e di quello del salotto di mia nonna (sulle cui decorazioni Art Déco giocavo all’astronave)…
A volte occorre una poetessa per farti notare che ogni cosa che sappiamo la sappiamo secondo una prospettiva, e che col passare del tempo le nostre prospettive variano di continuo, senza accorgersene, per cui se mi chiedete oggi di visualizzare i tavoli della mia infanzia, li penso tutti visti dall’alto.

Questa notazione m’è venuta in mente leggendo la polemica scatenata da uno scrittore libanese cristiano, celebre per il suoi libri popolari di statistica ed economia, a proposito d’un fumetto educativo proposto dalla BBC inglese, da cui è tratta questa immagine di una “tipica” famiglia romana nella Britannia del secondo secolo dopo Cristo:

tipici romani.jpg

Proprio così: i romani avevano la pelle nera. O meglio: secondo la spiegazione data dalla BBC stessa e dalla professoressa Mary Beard (classicista accademica nota al grande pubblico per i suoi libri di divulgazione sugli antichi romani) avevano “anche” la pelle nera, dato che arruolavano truppe “anche” nell’Africa del Nord. Quindi – conclude Beard – è stato positivo rappresentare “anche” loro, per fornire una idea, molto “educativa” e politicamente corretta della diversity della società imperiale romana.

Ora, né i romani hanno mai conquistato terre abitate da neri, né l’Africa del Nord è mai stata abitata in epoca romana da popolazioni di pelle nera. Il Sahara ha costituito una barriera genetica di primaria grandezza (a parte i nomadi, di cui infatti esistono tribù nere), mentre invece l’Autostrada del Mediterraneo, che sappiamo percorsa in entrambi i sensi già cinquemila anni fa, ha favorito lo scambio di popolazioni e le invasioni fra le sponde Nord e Sud (nonché Est ed Ovest) per decine di migliaia di anni. Ciò ha reso relativamente simili le popolazioni delle coste, tutte di pelle “bianca”, i cui legami di “parentela” le ricerche genetiche stanno ora mettendo in rilievo, in barba al mito degli Ariani biondi provenienti dal Nord Europa. E’ vero: gli antichi egizi non rappresentavano se stessi proprio del colore spettrale di mozzarella che contraddistingue oggi i britannici bensì un po’ più abbronzato, tuttavia la loro arte ce li presenta di pelle chiara, ben distinta da quella dei neri “nubiani”, loro nemici per millenni (e nell’epoca dei “faraoni neri” della XXV dinastia, anche dominatori dell’Egitto). I neri “nubiani” sono una popolazione e una civiltà “altra”, senza dubbio mai discussa adeguatamente, per razzismo, dagli storici occidentali, ma appunto, “altra”, rispetto ai nordafricani del passato.

Il corpo di Taleb, libanese, condivide molto materiale genetico con quello dei nordafricani, discendenti della massiccia colonizzazione fenicia che tante tracce genetiche ha lasciato anche in Sardegna o Sicilia (ma guai a dirlo: erano semiti, dunque una razza inferiore rispetto agli Ariani) e come tutti i libanesi cristiani Taleb ci tiene molto alle sue origine “fenicie” e “greche”. I cristiani libanesi potranno anche parlare arabo, ma non discendono dagli invasori arabi mussulmani, che si sono limitati a conquistare il loro Paese e ad imporre la loro lingua ai conquistati.
Da qui deriva l’ipersensibilità, espressa in un linguaggio a tratti sopra le righe, in stridente contrasto con l’algida e altezzosa serenità della Beard (davvero molto british), con cui Taleb ha fatto notare che la presentazione di quell’immagine come quella d’una famiglia “tipica” romana di origine nordafricana era “bullshit” (“emerita cagata”). La polemica è debordata su Twitter, dove la situazione è stata peggiorata (non dalla Beard) da osservazioni poco felici come quella secondo cui la diversity in epoca romana era un dato di fatto oggettivo, provato, ad esempio dal fatto che i romani avevano avuto un imperatore nero come Settimio Severo. Che era nero in quanto nato nell’attuale Algeria.

Ora, risparmio qui il resto del dibattito che, come sempre accade quando una delle due parti è in torto e non ha argomenti da usare, è scaduto nell’attacco ad personam, finendo per decretare che Taleb diceva quanto diceva non perché avesse dati per poterlo fare, ma perché era misogino e sessista. Sono stati lanciati appelli a boicottare e distruggere i libri di Taleb, che ha ribattuto chiedendo di pubblicare online su Youtube la scena del rogo, che gli sarebbe servita solo a dimostrare con chi aveva a che fare (e la Beard ha preso le distanze, preoccupata, da sostenitrici giunte a invocare prassi naziste). Taleb è stato accusato di avere insultato la Beard, e di altro ancora, ma alla fine, una statua, un affresco, una descrizione di un britanno od anche solo di un nordafricano di pelle nera non è emersa da nessuna parte. L’argomento più forte è stato che la Britannia Romana era “etnicamente variegata”, come se “variegato” implicasse la presenza di persone nate nel Golfo di Guinea.

ethnically diverse

Come dicevo all’inizio, noi esseri umani il mondo lo vediamo da un punto di vista alla volta, che varia di individuo in individuo, di cultura in cultura, di epoca in epoca, di età in età… Come italiano, ossia come persona esterna alla cultura anglosassone, ho potuto quindi leggere questo scambio da una prospettiva diversa da quella dei due contendenti, ed ho osservato il gorilla rosa che nessuno ha notato (o che tutti hanno preferito fingere di non vedere).
Sto parlando non tanto del fatto che britannici e statunitensi sembrano sorprendentemente convinti del fatto che una roba chiamata “razza” esista (mentre sappiamo da decenni che esiste un’unica razza: quella umana; tutto il resto è differenza culturale, e variazione all’interno della stessa, medesima, unica razza), quanto del fatto che, per i britannici, gli abitanti dell’Europa del Sud e dell’Africa del Nord, e genericamente gli arabi (che per loro includono i libanesi), sono “neri”. Magari non proprio “negri/nigger“, ma comunque di pelle scura, coi capelli neri come il carbone e ricci (e grandi mangiatori di aglio).
Ho avuto modo di verificarlo di persona quando sono stato in Inghilterra, dove mi si ripeteva di continuo (e come un complimento!) che “non sembravo italiano”, solo perché non sono fatto così (la mia barba – allora – rossiccia, rimandava semmai a qualche miscuglione celtico: lo sa solo iddio cosa si sono scopati i miei avi e le mie ave).
Io ho scoperto di essere “bianco” quando ho messo piede negli Usa. I miei amici mi avevano ammonito di non mettere piede in una certa area di New York, dove i bianchi rischiavano d’essere aggrediti. “Ma io non sono bianco”, risposi stupito. “E cosa sei?” “Italiano”.
Sembrerò forse ingenuo, anzi lo ero senz’altro, ma all’epoca, molti decenni fa, la divisione fra “bianchi” e “negri” era qualcosa che per me riguardava solo gli americani, ed era una differenza sociale, culturale e di classe, non di presunta appartenenza a razze differenti. Se uno era nero, aveva la pelle di un colore diverso dalla mia, e questo era tutto. Ma se era americano, bianco o nero che fosse, aveva una cultura e un modo di ragionare diverso dal mio, e la differenza per me era questa.
Nella stessa occasione, mi rimase impresso il fatto d’essere stato fermato per strada da un lubavich coi payot che dopo avermi osservato per un momento con aria dubitativa mi chiese: “Excuse me, sir, are you any Jewish?“. La domanda mi prese di sorpresa e riuscii solo a balbettare come un idiota: “No, I am Italian“, quasi che “italiano” escludesse “ebreo”, o viceversa.
Questi aneddoti mostrano che io ragionavo in termini di nazionalità, i miei interlocutori americani in termini di razza. Chi abbia voglia di leggersi il dibattito su twitter potrà notare da sé come gli anglosassoni confondano molto rapidamente “ethnicity” (nazionalità, appunto) con “razza”. E per gli anglosassoni esiste una sola razza bianca: la loro, quella ariana. Gli altri sono al più Coloreds.

Questo paradigma razzistico funziona anche all’inverso. Ricordo che nel 1991, al congresso mondiale sull’Aids a Firenze, in un gruppo di discussione fra attivisti gay un ragazzo statunitense di origine chicana, totalmente indistinguibile da un qualsiasi siciliano o andaluso (non aveva neppure un taglio di occhi vagamente Maya: era proprio criollo e basta) insisteva sul fatto che occorreva concentrarsi di più sulle minoranze razziali, continuando a parlare di se stesso come “persona di colore”. Gli feci notare che in Europa la distinzione non era così urgente come negli Usa: qui ragionavamo più in termini di classe sociale (con diverso accesso alla cultura e all’informazione) che di razza. Tanto è vero, aggiunsi, che in Italia lui sarebbe stato categorizzato come “bianco”, non certo come “di colore”. Si offese a morte: credo che mi avrebbe ucciso, se avesse potuto.

Questo mi fece capire fino a che punto negli Usa, anche all’interno della comunità lgbt, le distinzioni di razza siano parte fondante dell’identità di ogni individuo. E mi fece capire anche fino a che punto le loro divisioni in “razze” non abbiano nulla a che vedere con caratteristiche fisiche esteriormente percepibili e verificabili ma, proprio come nella teoria classica del razzismo, con caratteristiche essenziali, metafisiche, interiori, ossia stabilite socialmente e non fisiologicamente. Si è “nero” non perché si ha la pelle nera, ma perché la società ti ha bollato come tale. Non si sta parlando di una semplice variazione della tonalità dell’epidermide, ma di qualcosa di essenziale, di uno stigma. Al punto che si può avere la pelle bianca ed essere nero, dando vita all’incredibile fenomeno del passing o, all’estremo opposto, al delirio psicopatico del “transrazzialismo”: bianchi che “si sentono” neri. Dimostrazione quest’ultima di come “nero” non indichi affatto un colore dell’epidermide fra tanti, bensì un’essenza, un modo di essere interiore, uno stigma, che esiste a prescindere dal colore della pelle.

Guardato da questa prospettiva italiana, il razzismo anglosassone stupisce per la sua  vitalità, e della sua capacità di trasformarsi di continuo, producendo adesso anche una versione “di sinistra”, come quella difesa dalla professoressa Beard nel nome del “politicamente corretto”.
Da sempre e notoriamente il razzismo anglosassone è stato lo strumento grazie al quale  quelle società sono riuscite a distrarre dal loro classismo (e questo indubbiamente in misura molto maggiore negli Usa che in UK). Il razzismo è sempre stato utile a convincere l’operaio bianco di non avere nulla in comune con l’operaio nero, o quello inglese con quello irlandese. Specialmente negli Usa, dove mettere le ethnicities una contro l’altra è da sempre uno degli strumenti più efficaci del dominio dei WASP.

Nel nostro caso, in un video educativo ci si focalizza sulla questione razziale per non dover introdurre il discorso sulla questione di classe (e ricordiamoci che i britannici, da Gibbons in poi, quando dicono “impero romano” stanno pensando solo a un precursore dilettantesco e in piccolo dell'”impero britannico“. tant’è che il nostro centurione, dai tratti somatici, di sicuro un berbero non è ma neppure un nero africano: i suoi tratti sono quelli di un pakistano o di un indiano — capisc’ammè!). In altre parole, se s’introducono inesistenti centurioni neri nella Britannia romana lo si fa per non dover parlare degli schiavi neri con ogni probabilità realmente esistiti in quel tempo e in quella regione. Anche se, considerati i costi e soprattutto i pericoli del trasporto, gli schiavi celti e germani o prodotti in casa (vernae) costavano infinitamente meno, e quindi non esisteva nessun motivo cogente per importarne da tanto lontano, se non come beni di lusso (sì, gli schiavi erano oggetti!) super-esotici, come i pavoni, o le pantere, o i tessuti di seta.

Infatti noi sappiamo che i neri dell’Africa sub-sahariana esistettero, nel mondo classico. Io stesso, per anni, ho raccolto e classificato su Wikicommons, e fotografato nei musei archeologici, ogni volta che ne trovavo, rappresentazioni di neri africani nell’arte classica (le trovate qui e qui). Questo perché ritenevo ingiusto il disinteresse dimostrato dalla comunità wikipediana verso la storia del continente africano. Ma è proprio questa raccolta che mi mostra un dettaglio poco gradevole: quando appare un negro africano in queste opere d’arte, se si è in grado di identificarne il rango sociale, si tratta di uno schiavo. Niente “Baldassarre” con turbante e gioielli d’oro, in quest’arte.

Dunque, se davvero la BBC voleva rappresentare per forza di cose la diversity razziale dell’epoca romana, presentandoci una “tipica” famiglia romana, avrebbe dovuto semmai presentarci il centurione (bianco) con moglie, figli, e schiavo negro portato con sé come accessorio di super-lusso dal Continente. O magari, la schiava nera portata con sé come concubina esotica per fare invidia agli amici: la Maserati delle schiave!
E se non si voleva essere accusati di stereotipare la storia, allora nella famiglia (ricordiamo che in latino familia significa “insieme degli schiavi posseduti dal paterfamilias“)  accanto si poteva mettere uno schiavo Anglo o Sassone con capelli biondi e occhi azzurri (di quelli che fecero dire a san Gregorio Magno in visita al mercato degli schiavi, Non angli, sed angeli), al servizio del dominatore nordafricano.
In questo  modo si sarebbe ricordato che i romani erano una brutale e spietata società schiavistica, educando i giovani a guardare in faccia la realtà storica per quel che è stata. Ma temo che questo sarebbe stato davvero troppo, per il razzismo anglosassone, per il quale il “destino manifesto” degli anglosassoni è schiavizzare gli altri, l’inverso essendo inconcepibile…

Giovanni Dall’Orto, 7 agosto 2017

jihad

P.S. A proposito di stereotipi: su Twitter la professoressa Beard s’è lagnata che le era stata scatenata addosso una “jihad di memi” .
Nel mondo di diversities farlocche ed inventate, la diversity concreta e reale d’un “arabo” che non sia mussulmano e che quindi non pratichi la jihad non è nemmeno prevista.
Ancora una volta la fantasia accademica scaccia e rinnega la realtà della vita
Come volevasi dimostrare.

13 pensieri su “Quando l’antirazzista non sa d’essere razzista

  1. A me è capitato molti anni fa di leggere un annuncio su un giornale di Barcellona in cui si indicava che il colore della pelle era ‘trigueño’. Io che credevo di saperne abbastanza di spagnolo quella volta sono andato a cercare sul vocabolario. Ho scoperto che significa ‘colore del grano maturo’. Poi mi è stato spiegato che una tonalità specifica di colore della pelle viene indicata comunemente con quel termine, e che non si trattava di metafora ardita. Se dunque la passione per la distinzione in base ai colori è stata in principio anglosassone, certo il mondo di lingua spagnola e portoghese ci si è ficcato con l’entusiasmo del discepolo entusiasta.

    Mi piace

    1. Gli spagnoli non sono “discepoli” in quanto il razzismo lo hanno inventato. L’idea “razziale” di “limpieza de sangre” è loro, o meglio, dei loro arroganti hidalgos, che rifiutavano l’idea che un ebreo o un moro, una volta convertito, potesse essere uguale a loro.
      Essa però negli effetti pratici è stata contraddetta dal machismo latino, per cui un vero macho poteva scoparsi tutte le donne che voleva. Il meticciato massiccio verificatosi nel mondo coloniale di lingua spagnola non ha paralleli in quello anglosassone (anche se poi ebbe dimensioni che il razzismo attuale oggi nega: vedi la polemica sui discendenti neri di Thomas Jefferson, risolta infine solo con l’analisi del DNA, dopo due secoli). Gli anglosassoni si portavano dietro le donne per non mescolarsi coi popoli inferiori. Gli avventurieri portoghesi conquistatori di encomiendas della costa angolana e mozambicana, invece, ammazzavano i capi locali e si facevano un harem con le sue mogli. I loro figli erano mulatti, e anche loro godevano del droit de cuissage… e così via. Quando i portoghesi nell’Ottocento strinsero le fila di questi territori per trasformarli in colonie di tipo ottocentesco, si trovarono di fronte a un massa di “capetti negri” che si ritenevano “conquistadores portoghesi”, anche se ormai in loro era rimasta giusto qualche goccia di sangue bianco…
      Ciò premesso, il sistema di classificazione razziale spagnolo di epoca coloniale era demenziale: prevedendo 64 possibili definizioni: dal mulato, al quarteron all’octavon (metà, un quarto o un ottavo di sangue nero), al mestizo, al zambo… prevedendo le infinite possibilità di mescolanza fra banchi, neri e indios a seconda delle percentuali possibili.
      Dunque, erano razzistissimi.
      Il che non ci autorizza però a dipingere Simon Bolivar di un bel colore “preto”.

      Mi piace

  2. Lo “scrittore libanese cristiano” è tut’altro che antirazzista, visto che si è dissetato all’inesauribile fonte di razzismo dell’eccezionalismo yankee.
    “We believe here in America in freedom of expression far more than in other fuzzier notions such as justice, equity, etc. Freedom is vastly more robust than other notions and shields us from inquisitors such as David Colquhoun. Europe and Canada are in trouble. God Bless America.”
    DAVVERO? Non ci sono incquisitori nella terra del Maccartismo? In un paese dove OGGI (non negli anni ’50) pur di calunniare per le sue idee sconvenienti un FIGLIO DI SOPRAVVISSUTI ALLA SHOAH si arriva a dire (e alla fine l’università anzichè denunciarti come sicofante ti dà pure ragione cacciando il professore!) che se la madre del calunniato è sopravvissuta ai lager, è perchè era sicuramente una kapo.(http://normanfinkelstein.com/2006/01/13/who-was-maryla-husyt-finkelstein/) non ci sono inquisitori? MA che si vada a nascondere!

    Mi piace

    1. Mi permetto di insistere sul fatto che l’attacco ad personam è un pessimo metodo di argomentare. E’ una fallacia logica, che si usa di solito quando non si hanno argomenti validi da contrappore a quelli dell’avversario/a.
      Amesso e non concesso che Taleb sia un nazistone, questo non implica che in Britannia ci fossero centurioni neri africani. Il modo per smentire Taleb non è dandogli del fascista, ma mandandoci una foto di un affresco, una statua, oppure la citazione di un brano, in cui si parli di questo mitica Araba Fenice.
      Se uno storico fa un’affermazione, deve essere in grado di esibire le proprie fonti.
      Rispondere “Ma sua madre fa i bocchini!”, non costituisce una smentita storica.
      A parte ciò, a perseguitare Finkelstein, il cui caso conosco molto bene, non è stato Taleb, che al contrario negli articoli citati si esprime proprio apertamente ed esplicitamente contro il vizietto di cacciare i professori non allineati dalle università. Ti invito a leggere cosa ha scritto.

      Liked by 1 persona

      1. Amesso e non concesso che Taleb sia un nazistone, ”
        No, è solo un cazzaro. E come tutti i cazzari, le spara così grosse da tracimare dalla parte del torto anche quando avrebbe ragione, se si limitasse a restare nel recinto del caso specifico. E invece no, è un cazzaro, e allora deve andare di “Università morta in UK” (per UNA VIGNETTA!”), di USA in cui si tutela la libertà di espressione, di bullshitter regalato a una autorevole storica.
        ” a perseguitare Finkelstein, il cui caso conosco molto bene, non è stato Taleb, ”
        No, ma Taleb ha scritto che SOLO IN UK ci possono essere inquisitori, negli USA no perchè c’è libertà di espressione. Ed è fattualmente falso. Per usare il SUO livello di linguaggio, è un bullshitter.

        Mi piace

  3. A proposito di angolazioni. S Francisco 1983 , gatta rossa della coinquilina partorisce 4 micetti rossi (comunissimi) e 1 tutto nero, più raro. Si cerca di darli via e quando ne restano 2 o 3 l’inquilina nera del piano di sopra ci fa sapere che ne prenderebbe uno lasciando nn ricordo perché a noi la scelta. Io ci penso su e le porto quello nero, bello sano e più “raro”. Forse anche più bello.
    La reazione inferocita della donna me la ricordo ancora e nell’ occasione ho avuto modo di imparare intuitivamente una serie di insulti e parolacce non ancora ascoltate. Mi ci sono voluti giorni e l’aiuto di amici locali in improvvisata veste di mediatori culturali perr capire che si era offesa purché secondo lei le avevamo dato il gatto più brutto della cucciolata, quello nero, perché lei era nera quindi noi eravamo razziste, cioè qualcosa che suonava tipo merde bianche.
    Il gatto ci è rimasto sul groppone lei ci ha tolto il saluto.
    Il mio sbalordimento tuttora perdura.

    Mi piace

  4. Questione che fa il paio con quella di qualche mese fa riguardo alla serie tv Still Star-Crossed, pensata come seguito di Romeo e Giulietta. La produttrice, Shonda Rhimes, aveva immaginato una Verona con famiglie nobiliari di neri, cosa che ha fatto storcere il naso a molti in quanto anti-storica. La reazione? Una polemica su Twitter riguardo al fatto che gli italiani siano in realtà neri. Ah!

    Mi piace

  5. Gli statunitensi sono positivisticamente ossessionati dal concetto di razza, cercano di ficcarlo ovunque per provare a conciliare l’inconciliabile: però l’inconciliabiità sta NEL LORO CERVELLO! In duecento anni non credo sia esistito un accademico nordamericano che sia riuscito ad accorgersi che la tassonomia parla chiaro: la razza umana è una soltanto.

    Mi piace

  6. Non per dire, ma Settìmio Sevèro era sì nato in Algeria, ma definirlo nero è alquanto improprio. Il padre era di origine punica e berbera, e la madre era di origine italica. Nessuna di queste etnie storiche è definibile come “nera”.

    Mi piace

  7. Ciao. Ho letto con interesse l’articolo, non sapendo nulla tra l’altro di questo “scambio” (?) Beard – Taleb. Due spunti: a proposito del portare informazioni storiche, prove, circa la presenza di neri in Britannia, io invece avevo letto un’altro tweetstorm scatenato dal cartone della BBC. Lì un inglese, che mi sembra persona informata, ha segnalato una serie di elementi sulla presenza di neri, e anche con quali ruoli nella società. I tweet sono qui: https://twitter.com/MikeStuchbery_/status/889846960139751424?ref_src=twsrc%5Etfw (tralasciamo per un attimo l’incipit con offesa al tipo di alt-right).

    L’altro spunto, sulla fallacità dell’offendere quando non si hanno argomenti: negli “scambi di vedute” che vedo tra anglosassoni, mi capita spesso che qualcuno tiri fuori quella specie di decalogo della dialettica, che contiene tra gli altri questo dell’offendere l’interlocutore. Lo trovo utile perché fa capire a più persone che esistono modi di argomentare, e modi di “fregare” nelle discussioni. Rende chiaro agli altri da che parte va la natura della discussione e come agiscono gli interlocutori. Mi piacerebbe che ce ne fosse una versione italiana da poter iniziare a diffondere anche qui.

    Mi piace

    1. Ciao, “Fallacia logica” non è “fallacità”: indica un modo di ragionare che contiene un errore fondamentale che lo rende errato. Un elenco molto chiaro delle fallacie logiche lo trovi qui: https://it.wikipedia.org/wiki/Fallacia
      Fra queste appare l’attacco “ad hominem” o “Ad personam” (hanno nomi latini perché sono cose che si sanno da millenni), che si ha quando invece di confutare le idee di chi ci parla, si insulta la persona che parla (“sua madre fa i bocchini, quindi ciò che dice lui è irrilevante”: l’errore sta in quel “quindi”, che nel concatenamento del ragionamento non c’entra assolutamente nulla. L’affermazione presa di mira resta né confermata né confutata, per quanto a lungo si ravani nelle pratiche notturne della madre dell’oratore).
      Taleb può quindi essere anche un nazista, ma non ci importa, quel che ci importa è sapere: ciò che dice, è storicamente fondato o no? (a quanto ne so io, lo è). Tutto qui.
      Sulla presenza di neri africani in Britannia, essa è documentata dagli scheletri trovati nell’isola, anche se solo un ragionamento abituati a identificare i neri con gli schiavi impedisce di vedere che un nero era un prodotto assurdamente costoso per quel mercato. Gli schiavi erano meno costosi se importati da vicino. Ciò detto, il traffico di schiavi arrivava fino alla Scandinavia, quindi cosa c’è di sorprendente nell’idea che un nero potesse arrivare fin lì?
      Quel che resta da documentare è semmai che qualche nero africano sia mai salito ad una carica di rilievo, come quella di centurione o procuratore. Qualcuno conosce un caso del genere? Lo documenti. E’ così che si ragiona in storiografia. Alla fine, sono i documenti, e non i proclami ideologici, ad avere l’ultima parola.

      Dopodiché, il divertimento sta nel fatto che i documenti vanno INTERPRETATI… 🙂 E qui credo di aver mostrato come per gli anglosassoni chiunque sia nato a Sud di Dover sia un nigger, quindi se uno era berbero, allora era un nigger, of course. Dopo tutto, #italiansareblack , no?

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...