Pensieri su talune risse, tra femministe e froci, correnti oggidì

Ho sprecato un bel po’ di tempo a discutere, coi miei amici, sull’ondata dei cozzi amari fra mondo lgbtqpqrstuvz e femminismo “radicale”, che all’improvviso ha illuminato la buia notte politico-culturale del mondo frocio con i bagliori delle sue esplosioni.
In particolare ha destato sconcerto (anche in me) un post su Facebook (3 settembre 2017) della giornalista Marina Terragni, che ha definito lo stupro: “Partecipare con zelo e godimento al progetto omosessuale di sottomissione delle donne“.

marina-terragni-sullo-stupro

Terragni ha spiegato a chi la criticava (anche con i toni di un maschilismo aggressivo e neanderthaliano) che il suo uso del termine “omosessuale” era stato frainteso, dato che esso andava inteso nel senso di “monosessuale maschile” (così come  usato da Carole Pateman, nel libro del 1988 Il contratto sessuale). Una scelta semantica che lascia comunque perplessi: Terragni è scrittrice raffinata e quindi perfettamente in grado di dire “monosessuale maschile” se e dove e quando intenda dire “monosessuale maschile”. Non occorre citare Freud e i lapsus per capire quindi che se le è scappato detto che “tutti i maschi sso’ porci… e puro ffroci“, come molti decenni prima di lei aveva già fatto Luce Irigaray (la “femminista” più amata dai no-gender e dal Pontificio consiglio per i laici), qualche problemino qui lo abbiamo.

Non m’interessa prendere posizione nella diatriba, che come tutte le diatribe di Facebook  è fatua (davvero il quasi mezzo secolo di femminismo della Terragni non ci suggerisce che non è onesto trattarla come se fosse un Adinolfi qualsiasi?) e destinata a svanire entro pochi giorni senza lasciare traccia diversa dai rancori.
Semmai m’interessa cercare di capire come sia stato possibile che una donna intelligente come lei abbia potuto venir fuori con uno sfondone come quello: per cambiare la realtà occorre per prima cosa capirla.


Avendo qualche annetto, mi è stato facile ricordare di quando (anni Ottanta-Novanta del secolo scorso) era tutto un filone del femminismo, il Pensiero della Differenza, a vedere nei maschi gay la quintessenza, l’incarnazione del Male Assoluto, della fallocrazia e dell’oppressione della donna. Non per le idee che avevano, ma per quello che erano: maschi. Il loro torto non stava in quel che facevano, ma nel fatto stesso di esistere e di non provare alcun desiderio verso il Mistico Corpo della Donna-Madre (e Matriarca).
Tuttavia chi è più giovane, e non ha mai udito narrare dei tiasi dove pythonissae ispirate dai divini Lacan o Derrida esalavano oracoli di Verità freudo-marxista, non avrà mai sentito nominare il Pensiero della Differenza, una delle più micidiali teorie razziste che mente (sedicente) “di sinistra” sia mai riuscita a concepire.
Visto che una delle caratteristiche del Pensiero della Differenza è l’abuso di paroloni tanto roboanti quanto privi di senso, per escludere chiunque non fosse un(a) credente ortodossa delle sibille glossolaliche, ne fornisco qui una versione terra-terra per il popolo ‘gnorante e rozzo: “X = buono, quindi XX = ottimo, invece Y = causa di ogni Male, XY sempre male, XY + XX = diavolo ed acqua santa, ppe’ ccarità!, XX + XX = purità angelica, e infine XY + XY = somma di tutti i mali, “progetto di sottomissione delle donne“, zolfo fuso e lapilli dal cielo, amen”.

A causa del suo carattere di religione incagliata, suo malgrado, in cerchie sempre più minuscole di sempre più anziane signorine, con i decenni questo pensiero è progressivamente sparito dalla scena politica, anche se filosofe come Luisa Muraro ne hanno tenuto vivo il culto in (ridottissime) cerchie di Vere Credenti.
Purtroppo oggi le generazioni di donne successive alle cinquantenni non prestano più la minima attenzione ai preziosi oracoli di queste Judith Butler de noantri (un oracolo della Muraro per esempio ci ha fatto sapere: “Chi sono io per giudicare i gay? Sono una donna e come tale appartengo all’umanità chiamata a mettere al mondo donne e uomini, gay e papi compresi.“, insomma, sono la vostra mamma, quindi se voglio prendervi a sberle voi le pigliate, e zitti! Ah, la profondità argomentativa delle filosofe de noantri!).


Ecco, secondo me quello che sta succedendo, fra l’incomprensione di tutti, è semplicemente,  e banalmente, l’improvviso recupero dei temi e dei toni delle sibille del Pensiero della Differenza. Ipotizzo che ciò avvenga per una inconscia (o conscia) ricerca delle certezze del passato, di un ancoraggio, di punti fissi nel tornado postmoderno che ormai è giunto a scompaginare anche le narrazioni femministe.
Da qui derivano le incomprensioni fra generazioni e le polemiche quasi surreali su Facebook. La recente polemica sul separatismo lesbico difeso da Arcilesbica (in sé, nulla di nuovo rispetto alla prassi del separatismo lesbico teorizzata e praticata da oltre mezzo secolo) ha fatto uscire di cranio la generazione più giovane di frocelle e trans, che si sentono terribilmente escluse se le donne si ritrovano in spazi solo loro (come se qualsiasi sauna o cruising gay permettesse a qualsiasi donna di entrare! Però il separatismo gay maschile non lo nota mai nessuno!).
Da qui hanno origine, ipotizzo, la sorprendente vista della Muraro che va a predicare agli incontri di Arcilesbica, fenomeno insolito negli sdegnosi annali delle torri d’avorio delle Sibille italiche, o addirittura l’intervista da lei fatta a Cristina Gramolini di Arcilesbica, che politicamente ha il sapore d’una investitura pubblica: “Tu es Filia mea dilecta; in te complacui” (Marco 1:11).
Da qui anche l’improvviso bisogno della generazione più anziana di Arcilesbica (o per quel che ci riguarda qui, della Terragni), di ripescare dalla cantina il Pensiero della Differenza, senza neppure spolverarlo dallo strato d’omofobia depositato negli anni.


Non pretendo di aver capito la ragione di tale fenomeno, ma la mia impressione (che propongo qui nella speranza che se qualcun* possiede una spiegazione migliore me la possa offrire) è che è infine giunto all’acme lo scontro del femminismo con il pensiero postmoderno, che fino ad oggi in campo sessuale in Italia s’era affannato soprattutto a demolire il concetto, anzi l’esistenza stessa dell’omosessualità. (E lo dirò solo una volta: “Io è da venticinque anni che ve lo dicevo, e non mi avete mai voluto dare ascolto, gné gné“, e poi non lo dirò più, promesso).
L’idea che i sessi non esistano se non come epifenomeni del genere e siano essi stessi costruzioni sociali, l’idea che la realtà non esista, l’idea che i fatti non esistano, l’idea che non esistono verità (eccetto quelle proclamate da chi sta affermando che le verità non esistono, ovviamente) è infine penetrata nel senso comune d’una generazione di giovani donne e uomini (che per l’appunto hanno venticinque anni ora) , ed ha finito per minare il senso stesso della lotta “delle donne“.
Se la donna è solo una costruzione sociale, non ha senso che le donne lottino in quanto tali: è sufficiente decostruire la costruzione sociale che ha “inventato” le donne. Dunque, la lotta “in quanto donne”, esattamente come quella “in quanto gay” o “in quanto lesbiche”, non ha senso. La parola d’ordine è “intersezionalità“.
Per le generazioni più vecchie, per le quali essere riuscite infine a combattere in quanto donne era stata una conquista, strappata a una sinistra contrarissima alle lotte “sovrastrutturali“, questo cambiamento è immediatamente percepibile come una minaccia a tutto ciò in cui hanno creduto e a tutto ciò per cui hanno lottato.
Per la generazione più giovane, invece, non si tratta d’una minaccia, dato che essa conosce unicamente la lotta sovrastrutturale, e considera l’aspirazione a cambiare la realtà economica (strutturale) del mondo una patetica utopia, un’illusione sconfitta dal trionfo del Pensiero unico e dalla “fine della storia”. (Uno dei post su Facebook, per dimostrare quanto dinosauriche fossero le compagne di Arcilesbica, richiamava l’attenzione sul fatto che fra di loro si chiamassero “compagne”… Ho detto tutto).

Siamo di fronte a uno scontro generazionale, il che nei post su Facebook non è sfuggito, visto che la dirigenza di Arcilesbica nazionale è stata a lungo sbeffeggiata come branco di dinosaure sull’orlo più dell’estinzione che della crisi di nervi.
Per la vecchia generazione, era importante rivendicare la differenza, e spazi propri in cui poterla agire: spazi separati, spazi separatisti.
Per me che ho i miei anni, è semplicemente logico che le donne (e i gay) rivendichino spazi solo per loro:una stanza tutta per sé“.
Per la generazione giovane invece, l’ideale propagandato e perseguito è quell’omogeinizzazione portata avanti dal Pensiero Unico della globalizzazione, che propone un mondo di uno smagliante e splendente e rutilante… grigio uniforme, in cui tutti potranno sbarazzarsi delle vecchie e sciocche etichette che dividono gay da etero, uomini da donne, ricchi da poveri, americani da italiani, israeliani da palestinesi, vittime da oppressori… (ormai si è oppressori non in virtù delle proprie scelte politiche ed economiche nell’ambito della mai sopita lotta di classe, e neppure in base ai propri atti, bensì per il semplice fatto di essere “cisgender”, ossia per il fatto di non avere problemi psichici all’idea di essere se stesse/i!).

L’ideale è il pastone, con lo stesso sapore ovunque: quello dei McDonald. E’ l’ideale di Macron – notorio politico di estrema sinistra – quando annuncia: “Non esiste una cultura francese. Esiste UNA cultura… nella Francia“. Ha detto “nella” perché quella cultura non è della o dalla Francia: è concepita nelle think-tank Usa, ed esportata in tutto il mondo con gli stessi prodotti, le stesse idee, le stesse parole d’ordine, le stesse ONG, gli stessi personaggi politici ex banchieri… Tipo: lui.


Per motivi politici, io non posso vedere il pensiero postmoderno (e derivati) altro che come l’ennesima mascheratura del pensiero di (estrema) destra sotto le spoglie del pensiero di sinistra, come già ai tempo del socialismo nazionalista (“nazismo” per gli intimi).
E per motivi anagrafici non posso che capire la problematica della “vecchia” generazione di Arcilesbica. Essere giovane non è una garanzia di un bel nulla. Anche mio nonno Giovanni Dall’Orto, a 22 anni, cantando “Giovinezza, giovinezza, primavera di bellezza“, andò a Roma a rottamare una generazione politica vecchia, superata, non più al passo coi tempi.  Ed aveva torto marcio: lui era il vecchiume che era avanzato, non la gioventù che avanzava.
Che un’idea sia buona unicamente per il fatto d’essere nuova è una minchiata, che non è credibile neppure per i detersivi, che anche quando proclamano NUOVO! hanno solo sostituito un profumo a un altro. Troppo spesso in politica, o in filosofia, il nuovo è solo una riproposizione del vecchio con un packaging diverso.
Concordo quindi con Arcilesbica sul fatto che nel caso della polemica che fa oggi il botto su Facebook, il decantato “nuovo” consista solo nel negare deliberatamente la specificità femminile ed omosessuale, ed in prospettiva più ampia la realtà del reale in favore di fumisterie dogmatiche.

Tuttavia ne dissento sulla bizzarra idea secondo cui il rimedio ai fanatismi dogmatici delle nuove generazioni sia riproporre i fanatismi dogmatici delle vecchie generazioni, come appunto l’omofobia del “Pensiero della differenza”.
Se i templi delle pythonissae sono deserti e invasi da ortiche, ciò non è avvenuto per un destino cinico e baro, ma solo perché le sibille non dicevano più nulla che potesse interessare alle fedeli. (Ed anche perché, dopo aver teorizzato il “tutto il potere alle Madri”, le sibille s’erano scordate che anche le figlie, una volta cresciute, diventano Madri…).

Insomma, ancorarsi alle certezze del passato non servirà a risolvere la crisi e a scacciare la minaccia. Anche perché le certezze del passato possono rivelarsi false. Lo scontro fra ideologie che è ormai tanto avanzato da essersi manifestato perfino al livello del pettegolezzaio immondo dei Social networks è uno scontro che si basa anche sulle contraddizioni oggettivamente presenti nelle certezze del passato.


Some women have penises
Da un video di Riley Dennis, attivista trans, su Youtube.

Per quanto detto, sono d’accordo con quante, nel campo femminista, lottano contro coloro che han dichiarato guerra alla realtà,  per esempio coloro che affermano che “alcune donne hanno un pene“. Ma sempre nel nome della difesa della realtà non posso che essere contro la pretesa simmetrica delle ideologie femministe, ogni volta che riscrivono a loro volta la realtà biologica per renderla più “politicamente corretta”.
Di fronte a me infatti io vedo lo stesso errore, con due segni uguali e contrari: sia il Pensiero postmoderno che il Pensiero della differenza concordano sul fatto che il terreno reale dello scontro sia l'”Ordine del Simbolico” e non quello degli interessi reali, materiali. La diatriba è solo su quali siano i simboli che contano, tuttavia nel condurre la guerra alla realtà esiste un’inquietante concordia.

femminismo radicale intersezionale
Dal profilo Facebook di “Femminismo radicale intersezionale”

Tra le femministe del Pensiero della Differenza questo avviene in modo evidente nella negazione ideologica della funzione biologica del maschio nella procreazione animale. Nella loro narrazione conta unicamente la gestazione, cosicché il concetto di paternità come co-parenting è inconcepibile, nel senso letterale che queste donne non riescono a comprendere cosa c’entrino i maschi con il concepimento.
Qui sopra vediamo come il profilo Facebook di “Femminismo radicale intersezionale”, una proposta postmodernista, si faccia beffe della posizione, che è anche mia, secondo cui la cessione di qualsiasi parte o funzione di un corpo umano vivente non debba poter essere oggetto di commercio: “Ebbene sì, per alcuni eiaculare in un bicchierino è lo stesso di portare avanti una gravidanza per 9 mesi, quindi se si vieta l’uno di deve vietare anche l’altro“.
Ebbene no, per “alcuni” questo è uno sfacciato paralogismo, dato che eiaculare in un bicchierino “è lo stesso di” eiaculare fuori da un bicchierino, non certo di portare a termine una gravidanza.
La posizione corretta di quegli alcuni, è che un gamete con 23 cromosomi, fra cui uno X, è esattamente la stessa cosa di un gamete con 23 cromosomi, fra cui uno o X oppure Y. Non esiste quindi nessuna ragione per cui uno debba essere vendibile liberamente, mentre l’altro assolutamente mai.
Un “principio basilare” a cui si inizi a fare eccezioni prima ancora di avere finito di enunciarlo non è un principio: è un capriccio. Un capriccio che potrà aver successo solo con l’imposizione violenta, dato che non possederà nessuna logica, o motivazione, salvo quella del: “Io voglio così, quindi deve essere così”.

Non curiosamente questa visione delle cose  la ritrovo in una femminista che si colloca sul versante opposto, la sociologa Daniela Danna, una delle più articolate (e in genere, condivisibili) avversarie della GPA, che nel suo libro Fare un figlio per altri è giusto (falso!), (Laterza, Bari 2017, € 12) afferma:

Daniela Danna.jpg

Gli uomini pensano che un neonato sia (almeno) per metà cosa loro perché c’è la parità, e inoltre hanno dato l’indispensabile contributo di un orgasmo“.

E’ curioso osservare come persone che hanno visioni del femminismo per molti versi opposte abbiano poi la medesima idea disneyana del concepimento umano. Evidentemente credono davvero che nell’antica Grecia fosse il vento a ingravidare le cavalle del dio Sole…
Gli uomini, guardate un po’ voi, “pensano” che un embrione nasca per metà da loro, e che il loro contributo non sia l’impollinazione,  ma addirittura la vera e propria  produzione del polline!

Ops, si dà il caso che le cose stiano proprio come la “pensano” gli uomini. Il “contributo” corrispondente all’orgasmo maschile è l’orgasmo femminile, non la gravidanza. Ci può essere l’uno senza l’altra e l’una senza l’altro.
Non esiste invece corrispondente maschile della gravidanza perché l’evoluzione, essendo cieca, non s’è mai posta il problema d’essere egalitaria. Ed ha escogitato corpi differenti, con funzioni procreative differenti. Punto.
Daccapo, ideologia e realtà sono due mondi privi di punti di contatto.

La realtà biologica non è politicamente corretta (ecco perché i/le guru del politicamente corretto la odiano). I maschi non restano incinti. Se ne facciano una ragione, imparino a superare la loro invidia dell’utero. Sarà forse ingiusto, sarà terribile per qualcuno, però l’evoluzione della razza umana ha scelto questa strada. Avrebbe potuto farla riprodurre per gemmazione, per scissione, per sporulazione, per ovoposizione ermafroditica, per talea o per margotta… e invece no: altri esseri viventi possono farlo, mentre la razza umana non può. Chi è nato maschio, non potrà mai portare a termine una gravidanza, e mai  vuol dire assolutamente mai.

Purtroppo però simmetricamente nessuna donna potrà mai portare avanti una gravidanza senza il contributo che un uomo “pensa” di poter dare. Anzi, in realtà non “pensa” di darlo: lo dà, punto e basta.
Dico sciocchezze? Nessun problema: è sufficiente popolarizzare la pratica della partenogenesi per smentirmi con ignominia. Dopo tutto, esistono razze di afidi che lo fanno…
Peccato solo che noi non siamo afidi (anche se certi post su Facebook sembrano scritti da zecche).


Mi sembra che in questo tripudio di progressismo, in cui donne, uomini, etero, trans e gay vengono di volta in volta disprezzati e odiati, di progressismo non ne sia rimasto molto.
Forse sarebbe opportuno smetterla d’inventarsi l’esistenza di donne che “liberamente” desiderano figli da regalare a sconosciuti per pura generosità uterina, donne che ingravidano grazie a bicchierini, gay che stuprano le donne per sottometterle (incredibilmente, senza degnare d’uno sguardo i loro mariti!), trans m-t-f che sono donne però col pene, uomini gay che con le terapie riparative diventano etero, e non so cos’altro.

A furia di spiegare al mondo (e in taluni casi addirittura a Dio) come “dovrebbe” essere per poter essere giusto secondo i propri criteri, s’è dimenticato come fare a capire il mondo per quello che esso è, in modo da poter poi verificare in quale modo le nostre visioni politiche possano cambiarlo e, secondo noi, migliorarlo.
Tu chiama questa roba “sinistra”, se vuoi: io no.

Giovanni Dall’Orto, 13 settembre 2017.

Debeauvoir.png
Come trasformare un’aspirazione alla libertà di Simone de Beauvoir (che si diceva bisessuale) in una prescrizione morale, negando la legittima esistenza delle realtà lesbica e gay. I commenti hanno fatto a pezzi la citazione.

 

Annunci

9 pensieri su “Pensieri su talune risse, tra femministe e froci, correnti oggidì

  1. Fino all’inizio degli anni ’80 creare gruppi e cercare i propri simili era considerata la cosa migliore per implementare la socialità; a partire da quell’epoca, invece, fare gruppo è diventato sinonimo di ghettizzarsi (e chi lo fa è uno sfigato o, paradossalmente, un asociale). Credo che ciò sia avvenuto perchè chi gestiva il potere era rimasto spaventato dalle proteste degli anni ’60 e ’70 e aveva il timore che potesse modificare lo status quo. Perchè unire tutti in un unico calderone dominato da un mercato unico, da un modo di fare unico, da una cultura unica, da un pensiero unico ha questa evidente conseguenza: mantenere lo status quo, impendendo alle persone di essere se stesse (“animali sociali”, si diceva una volta). Io faccio questa metafora: il Sistema è come un cuoco che dice alle sue verdure “Da oggi in poi faremo solo minestrone e voi sarete tutte zucchine”. Chi è già zucchina, si troverà a suo agio nel nuovo corso, chi è melanzana – quindi simile – si arrangierà, gli altri saranno in enorme difficoltà (ma forse, frullati e cotti, penserano che un’alternativa è impossibile). Ecco perchè io sono contrario alle quote rosa, al 6 (o al 18) politico e così via: perchè sono sistemi che perpetuano il sistema di potere (e di dominio di classe). Questo ragionamento ovviamente si applica anche all’universo LGBT. Non vorrei apparire complottista, ma secondo me c’è stato un tentativo “dall’alto” di favorire certe teorie – si vedano Lacan, Foucalt, Derrida, Butler – che dividessero la comunità e rallentassero questo cammino progressivo e progressista. Ma siccome non si poteva dire apertamente, tali teorie non si palesano per quello che sono ma anzi fanno il contrario: sono lupi travestiti da agnelli. Cosa fanno le persone in buona fede a non rendersi conto che frasi del tipo “siamo tutti bisessuali” oppure “la sessualità è fluida” distruggono all’istante le lotte e le rivendicazioni gay, lesbiche e trans? Se siamo tutti bisessuali e fluidi, dovrebbero esistere solo i diritti bisessuali e fluidi (anzi, non ce ne sarebbe nemmeno bisogno, perchè andrebbero a combaciare con il diritto comune). Per non parlare di quelli (omosessuali!) che affermano l’inesistenza dell’omosessualità, o di quelli secondo cui i concetti di mascolinità e femminilità sono mere costruzioni sociali (vorrei proprio vederli allattare, se uomini, o circoncidersi, se donne). “Human Pride”, si disse qualche anno fa: come se gli omofobi fossero non umani ma scarafaggi (magari hanno un quoziente intellettivo simile a quello degli scarafaggi, ma sempre umani sono). Ancora, tutti nello stesso calderone, quello dell’umanità, dove a furia di essere talmente simili non si è (e non si ha) niente, l’identità si è completamente persa. E qui ci sarebbe da aggiungere anche quel discorso odioso secondo cui non esistono omo ed eterosessualità poichè ognuno di noi ha una propria sessualità specifica (per cui, presumo, possono trarre piacere e possono riprodursi soltanto… self service): tutti diversi, tutti “speciali”, tutti isolati. Io ho smesso di credere alla sinistra perchè quelle persone che, per formazione e per responsabilità, dovrebbero essere incaricate di smascherare e debellare questi allucinamenti ideologici sono proprio i principali maître à penser di tali teorie. Il liberismo e il post-modernismo sono ormai vessilli organici della “sinistra”, non solo italiana.

    P.S. Parlando da un punto di vista sociologico e non biologico, perchè è sbagliato dire che alcune donne – ad esempio le donne trans non operate – hanno il pene?

    Mi piace

    1. Concordo ed aggiungo che dopo aver cucinato il minestrone si scopre che esso va suddiviso fra verdure bianche e nere, fra verdure che pensano di essere supplì e quelle cisgender, e le non verdure che però essendo trasgressive nel minestrone ci stanno. Lgbttqqiae, dove “e” sta per “eterosessuale”. Ma guarda tu.

      Mi piace

    2. Domanda finale. Da quando distinguiamo fra sesso e genere, i significanti “uomo” e “donna” hanno tre significati: in base al sesso biologico, in base al genere, e in base al ruolo di genere. Gli ultimi due sono convenzioni, che la volontà può cambiare. Il primo invece è un dato biologico, che non puoi cambiare.
      Molte transgender hanno il pene. Quasi tutti gli effeminati pure. Ma biologicamente, se hai il pene (rectius, se hai cromosomi XY: il sesso biologico non si limita ai soli genitali) sei un maschio, se hai XX sei femmina.
      È una tautologia, in realtà, dato che maschio significa soltanto possessore di cromosomi XY e null’altro, e viceversa.

      Mi piace

  2. Proprio non hai capito.
    Ci sono vecchi rincoglioniti e vergafanciulli che paragonano il farsi una sega con 9 mesi di gestazione, è almeno un anno che vanno avanti con questa idiozia.
    Quando è evidente che gli aspetti psicologici e fisiologici non sono minimamente confrontabili.
    Tu, in fede, puoi sostenere che masturbarsi una volta sia “la stessa cosa” che portare avanti 9 mesi di gravidanza? Non puoi farlo, vero? Non puoi.
    Basta fare un’analisi seria di cosa siano i due atti in questione se proprio si vuol essere pignoli. A me basta un pizzico di buon senso.

    Mi piace

    1. Non solo non lo sostengo affatto, ma ho addirittura affermato esplicitamente il contrario, nel pezzo. A volte, leggere quel che si critica prima di criticarlo aiuta a capire cosa si sta commentando, sai?

      Io ho affermato che condivido la posizione secondo cui vendere i gameti umani deve essere sempre illecito, poco importa se per produrre quelli maschili ci vuole poca fatica, mentre per produrre quelli femminili ci vuole più fatica. Questa differenza di “fatica di produzione” può forse avere rilievo per chi deve stabilirne il prezzo sul mercato (il bene più facile da produrre costa meno, in base alla legge della domanda e dell’offerta, quello più raro può essere piazzato sul mercato ad un prezzo più alto…), però se io affermo che il mercato è illegittimo, la distinzione diventa irrilevante. Non devono esserci prezzi. Punto.

      Che un bambino maschio sul mercato degli schiavi debba costare più o meno di una donna adulta, è questione per me totalmente irrilevante: la schiavitù deve essere proibita e repressa, punto. Che per produrre una donna da vendere schiava ci voglia più o meno fatica che per produrre un bambino da vendere schiavo, è cosa che mi lascia totalmente indifferente.

      Mi fa perciò ridere la posizione di chi afferma che la vendita di spermatozoi deve essere lecita perché produrli costa poco sforzo. Quindi, se si trova un modo per far fare poco sforzo nella gravidanza, allora la GPA deve essere permessa?

      Ho anche sentito dire che lo sperma è vendibile come lo sono i capelli o le unghie, perché parte distaccata del corpo umano. Peccato che capelli e unghie siano tessuto morto, i gameti maschili tessuto vivente, come il sangue. Che guarda tu il caso non è lecito vendere. Una persona che paragoni sangue o gameti alle unghie, ha bisogno di una buona lezione di biologia, prima che di un ragionamento politico.

      Mi piace

  3. Ma in quel post loro non hanno scritto che è lecita, hanno scritto che non è paragonabile. Vedi che continui a non afferrare che stai addossando a quel post cose che non vi sono scritte.
    Sulla schiavitù concordiamo. Come concordiamo con la visione che aveva Gramsci della cessione di ovuli.
    Concordo, il mercato sulla vita è illegittimo.
    Aggiungo che che l’adozione sta all’utero in affitto come lo ius soli sta allo ius sanguinis.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...