“Se davvero aveste a cuore le persone trans…”

Ho già avuto modo di sostenere, in un precedente intervento che, contrariamente a quanto sbandiera, il “culto trans” non ha a affatto cuore la sorte delle persone transessuali, dato che il suo unico scopo è usarle per affermare la verità di alcuni dogmi del postmodernismo, e pazienza se per farlo occorre buttare sotto il treno le persone trans e i loro interessi. Ho appena trovato su Twitter, in data 17 gennaio 2017 e a firma “Dyketagnan”, un thread che sostiene la stessa mia tesi, ampliandola e allargandone la prospettiva dal punto di vista di una donna lesbica e femminista. Lo traduco qui di seguito perché lo trovo ottimamente riuscito: breve ma incisivo. I link sono aggiunte mie. L’originale si trova qui.


(…)

Se davvero vi fregasse qualcosa delle donne trans, questo è ciò che stareste sul serio facendo:

1. Notereste che il tasso di omicidi delle donne trans NON è alto nel Regno Unito e nell’Unione Europea [6 casi fra il 2008 e il 2017 in UK, secondo le cifre del Transgender day of Remembrance 2017, contro i 32 dell’Italia], e vi chiedereste come abbassare quello degli Usa.

2. Fareste pressione sulle donne trans ricche e bianche affinché trovassero soluzioni ai problemi lavorativi, per sottrarre le donne trans di colore a occupazioni molto rischiose.

3. Utilizzereste le statistiche sui suicidi per stimolare l’azione per abbassarle, non per tenere il punteggio nelle Olimpiadi dell’Oppressione.

4. Sareste scettiche/i sulle persone bianche eterosessuali che affermano di parlare a nome delle donne trans.

5. Sapreste che l'”intersezionalità” riguardava il ruolo di razza e classe sociale all’interno del femminismo, non il modo di aggiungere ad esso i maschi. {E davvero, se pensate che una “intersezione” implichi l’AGGIUNTA di qualcosa a qualcosa, avete sbagliato teoria.}

6. Non esaltereste una cultura di vulnerabilità psicologica e di fragilità della salute mentale.

7. Vi starebbero ancora a cuore le persone che de-transizionano invece di affermare che non ne esistono.

8. Non sosterreste posizioni che sono in contraddizione fra loro (per esempio: “Il genere è un continuum” ma “Fate transizionare i bambini ORA ORA ORA”).

9. Esigereste che le donne trans e gli uomini trans ottenessero assistenza sanitaria per problemi di salute mentale coesistenti, invece di dare per scontato che la transizione sistemerà ogni cosa.

10. Terreste presente che aspettarsi che qualcun* vada a letto con qualcun altr* per “convalidare” [la sua identità], costituisce un percorso di merda per arrivare all’autostima.

11. Non affermereste che qualsiasi cosa dicano le femministe radicali contribuisce alle morti delle donne trans. I maschi violenti non hanno mai dato retta a quel che le femministe radicali dicono, o se per quello, mai saputo che esistessero.

12. Vi offrireste volontari* per un “telefono amico” anziché limitarvi a sventolare le statistiche sui suicidi nelle Olimpiadi dell’Oppressione.

13. Combattereste con serietà tutta la merda del “Morte allo schifo Cisgender (“Die cis scum”) e “Uccidiamo tutte le TERF” (“Kill all TERFs”). Sono queste cose che allontanano potenziali alleate.  (Idem per la questione del #cottonceiling). [Nota di G. Dall’Orto: Definizione spregiativa della scelta di una donna lesbica di rifiutare una proposta sessuale da parte di una trans non transizionata].

14. Combattereste seriamente la storia delle 4000 etichette di identità di genere, perché ‘sta roba finisce per buttare in burla la disforia.

15. Vorreste un po’ più di selezione nei ranghi: evitare i falsi positivi risparmierebbe risorse per le persone trans. {I bilanci sanitari hanno limiti, gente: non ve ne rendete conto?}

16. Prendereste sul serio le preoccupazioni relative ai maschi NON trans che approfittano delle leggi sui cessi per prendere di mira tutte noi. Non riusciamo a trovare un accomodamento, su questo?

17. Dareste retta alla voce delle donne trans con punti di vista diversi dal vostro.

Vedete, ESISTE un modo per far rinascere una vera politica di coalizione. Il vecchio modo degli anni Novanta, non questa merda di teoria identitaria queer suprematista trans.

cb8

VOI avete bisogno di:

a) Riconoscere che gruppi fra loro coalizzati mantengono il diritto di organizzarsi e incontrarsi separatamente.
b) Tagliar fuori la retorica violenta ed eliminazionista.
c) Tagliar fuori la VIOLENZA FISICA, il divieto di parlare in pubblico e le vessazioni.
d) SMETTERLA DI TRANSIZIONARE I BAMBINI: SONO SOLO BAMBINI!
e) Smetterla di essere omofobic*.
f) Smetterla di cercare di impedire qualsiasi menzione del sesso biologico e delle questioni di politica sociale ad esso correlate (come il diritto all’aborto).
E, per finire, (g), smetterla di pensare che voi siete tanto progressist* e figh* e all’avanguardia giocando questo gioco. Non lo siete. E non siete neppure amic* delle donne trans. Perché la retorica violenta, l’omofobia, l’eugenetica contro le persone gay, e la cancellazione delle donne, tutto questo sta provocando un contraccolpo, e non sarà sulle vostre facce che finirà per scoppiare.

Dyketagnan

8 pensieri su ““Se davvero aveste a cuore le persone trans…”

    1. Se si parla di leggi intendiamo (“Noi” chi?) ciò che le leggi intendono con questo termine. Semplice, no?
      Se tu ritieni sbagliate queste leggi, allora queste leggi vanno cambiate e ciò va detto apertamente. Se invece non vuoi cambiarle, allora esse valgono.

      "Mi piace"

  1. Tu ritieni che una persona imputabile penalmente per le proprie azioni non debba avere il diritto di transizionare jn caso di disforia di genere ?

    "Mi piace"

    1. Che razza di domanda è?
      Da quale frase hai tratto questa conclusione? E chi è che fisicamente, (nome e cognome) ha mai sostenuto questa teoria?
      Per quale motivo si inventano sempre nuove accuse farlocche su domande che nessuno ha mai fatto, invece di rispondere alle domande effettivamente poste?
      Perché in certe mani la questione dei diritti delle persone trans deve diventare nient’altro che un’arma di distrazione di massa?
      Non perdiamo di vista il fatto che stiamo parlando di persone con problemi e diritti, e non a casi umani utili a stabilire Grandi Verità Filosofiche, alla cui dimostrazione non è sinceramente interessato nessun*.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...