Parliamo di orientamento sessuale

Parliamo del concetto di “Orientamento sessuale”.
La deputata scozzese McAlpin ha proposto di inserire una domanda facoltativa sull’orientamento sessuale nel prossimo censimento, per cercare di avere qualche dato statistico sulla consistenza della comunità lgbt in Scozia.
Si è trovata di fronte ad una controproposta che allarga la lista a 21 “orientamenti” (come “demiromantic” o “scoliosesessuale” ), a cui si è opposta :

Prima di ribattermi che anche le persone “gender non conforming” hanno diritto ad affermarsi e contarsi è necessario sapere che nella proposta un’altra, differente domanda facoltativa affronta proprio l’identità di genere, prevedendo risposte come “nonbinary” e tutto l’ambaradan che piace ai queer.

A mio parere con questa polemica siamo arrivati al dunque, dimostrando che la moltiplicazione degli orientamenti ha come obiettivo, (visto che non è possibile, dopo mezzo secolo di lotte omosessuali, cancellare il concetto, come chiedono di fare le Sentinelle in piedi), il ridurli a una “identità”, a una sensazione soggettiva che può anche essere temporanea e fuggente, un capriccio del gusto, e non un elemento costitutivo, fondante e non modificabile della personalità umana.

Giovanardi sapeva molto bene cosa faceva quando, affondando la proposta di legge contro le discriminazioni basate sull’orientamento, obiettava che non era concepibile difendere orientamenti sessuali come la pedofilia, la necrofilia, la zoofilia.
Così come sanno molto bene ciò che fanno coloro che, per sostenere che l’omosessualità non esiste, la annegano in un mare di “orientamenti” che tali non sono.

McAlpin in un secondo thread ha chiarito molto bene che, se si parla di legge dello Stato, “orientamento” indica *unicamente* l’attrazione verso il sesso biologico preferito dei partner.

Aggiungendo : “If you add predictive text alternatives in the sexual orientation question, like “demiromantic”, you do not record info about gay people, and the state then misrepresents sexual orientation as a personal peccadillo -which is insulting and dangerous”.

Io concordo con questa impostazione, come concorda la nuova associazione “LGB Alliance” nata in questi giorni (e di cui parlerò prossimamente) per sottolineare che il movimento di liberazione omosessuale esiste per combattere contro le discriminazioni basate sull’orientamento, e non su “identità” o su 21 preferenze, più o meno inventate sui due piedi.

Quel che penso io non conta, sia chiaro, ma siccome in questi giorni è stata incardinata una proposta di legge antidiscriminazione, chiarire cosa sia l’orientamento sessuale per prevenire nuovi giochini alla Giovanardi ha una importanza PRATICA e immediata. Parliamone.

Poi l’asilo infantile queer riprenda pure a giocare con la moltiplicazione infinita delle identità, se proprio non ha nulla di più costruttivo da fare; ma di fronte a una sfida politica come questa, è meglio che siamo noi adulti a condurre la discussione, grazie.

5 pensieri su “Parliamo di orientamento sessuale

  1. Leggo che la signora Joan McAlpine si definisce “Gender critical”.Abbiamo già dimenticato l’ondata di odio che la comunità LGBT italiana ha subito a causa dei No-gender? Temo che ci stata una contaminazione fra No-gender e parte del femminismo, anche di matrice progressista. Personalmente capii che ci sarebbero stati gravi problemi quando Daniela Danna accettò di farsi intervistare dai cattolici integralisti di Tempi, veri e propri portavoce del Family day. Scelte politiche legittime, sia chiaro. Allo stesso tempo rivendico il diritto di ricordare tali collaborazioni, che ritengo esecrabili. https://www.tempi.it/pance-e-neonati-non-sono-merce/#.WLfwMCPhD5Y

    "Mi piace"

  2. Notare bene. Ryan T Anderon fu uno dei capi della lotta contro il matrimonio egualitario negli Stati Uniti. è più che legittimo chiedersi se l’attivismo LGB “gender critical” sia infiltrato dalla destra religiosa. Già collaborano apertamente..

    "Mi piace"

    1. La critica che fai è legittima, ma va temperata con la nota del fatto che nessun giornale di sinistra è disponibile a dare spazio alle tesi gender critical, dato che in questo istante, dopo l’abbandono della lotta di classe, dopo l’abbandono della lotta all’imperialismo, dopo l’abbandono del rifiuto della guerra, la sinistra italiana si definisce ormai esclusivamente sulla base dell’appoggio alle tesi contrarie a quelle gender-critical e una spruzzatina di Greta. Quindi non può dar loro spazio. Il paradosso è stato quello che tu segnali: persone di sinistra, se non di estrema sinistra, costrette a dialogare con persone di destra.
      Laddove in passato la divisione era verticale, destra o sinistra, oggi è orizzontale, gender-affirming o gender-critical.
      Ho fiducia nel fatto che iniziative come la fondazione della LGB alliance contribuiranno a spezzare la congiura del silenzio a sinistra, cosa che renderà più semplice distinguere le cattoliche che si sono infiltrate nel dibattito dalle femministe tout-court. Fino a quel giorno, però, saremo costretti a subire questa mescolanza che non credo sia gradita né a noi né a loro.

      "Mi piace"

  3. Aggiungo: “gender critical” è solo il nome di definire chi pensa che il genere sia una costruzione sociale, quindi arbitraria, nel modo riassumibile nello slogan: “Il sesso è il perché le donne sono oppresse, il genere, è il modo in cui lo sono”.
    Da questa ottica, non si può che essere gender critical, ed io stesso mi riconosco nell’etichetta.
    Se poi qualcuno ritiene che il genere sia la sua essenza più preziosa, innata, addirittura cablata nel cervello prima ancora di nascere, mentre il sesso è solo una proiezione fantastica e socialmente costruita del binarismo imposto dalla società, be’, il problema è suo, non mio.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...