Perché la campagna d’odio contro “LGB Alliance”

Oggi l’apposito ente britannico ha dato l’ok alla registrazione di “LGB Alliance” come “charity“ (una via di mezzo fra i nostri “associazione non a fine di lucro” ed “associazione di beneficenza”). La decisione è stata preceduta e seguita da una campagna violentissima di diffamazione, che chiedeva di cassare la richiesta, accusando “LGB Alliance” di essere […]

Continua a leggere "Perché la campagna d’odio contro “LGB Alliance”"

Tre rondini per una primavera

Mi è successa una cosa strana. Per la prima volta, tre persone molto giovani mi hanno contattato privatamente (una attraverso Instagram, le altre due via email, tramite il mio sito) per discutere delle mie posizioni su asessuali e questione trans.Non mi era mai successo prima, e so che tre rondini non fanno primavera, tuttavia il […]

Continua a leggere "Tre rondini per una primavera"

Un’altra sentenza dall’Inghilterra

L’Inghilterra sta preparandosi a un censimento, il 21 marzo prossimo. Questo anno, per tenere conto di tutte le richieste di inclusività, non apparirà solo la domanda obbligatoria sul sesso del/la rispondente, ma anche una facoltativa sull’orientamento sessuale, ed una facoltativa sull’identita di genere.Tutto bene, quindi, parrebbe, in un trionfo di “inclusività”… se non fosse per […]

Continua a leggere "Un’altra sentenza dall’Inghilterra"

La lezione delle cattive maestre

Torniamo a parlare della canadese Jessica Yaniv (oggi Jessica Yaniv Simpson), perché nel folle mondo del transattivismo è uno dei personaggi su cui siamo d’accordo tutt*, indipendentemente dal nostro punto di vista: è pazza. In senso proprio clinico, psichiatrico. Come dimostra il fatto che ha appena pubblicato sul suo Twitter la lettera d’ingiunzione da parte […]

Continua a leggere "La lezione delle cattive maestre"

“Boxer ceiling”

È da tempo che esistono raccolte del “peggio dei social” contro donne lesbiche e femministe “Terf”, con screenshots di transchilisti che insultano, minacciano e fanno commenti fallocratici. (Uno a caso: TERF is a slur).Da qualche tempo è iniziata la raccolta di screenshots dei commenti omofobici contro i maschi gay provenienti dallo stesso mondo transqueer. La […]

Continua a leggere "“Boxer ceiling”"

La sessuofobia del mondo transqueer

(Pubblicato in origine su Pridemagazine).Come militante della lotta di liberazione sessuale non finisco mai di stupirmi di quanto, nei discorsi queer e transqueer, l’importanza della vita sessuale venga sminuita: dalla semplice sottovalutazione, fino alla vera e propria sessuofobia.Durante le interminabili chiacchierate [prima dei social media, fra esseri umani ci si parlava] con le persone trans […]

Continua a leggere "La sessuofobia del mondo transqueer"

“LGB” contro “T”?

Un ragazzo ftm che mi segue su Facebook mi ha scritto perché avevo nominato il Gruppo britannico “LGB Alliance” (nato per chiedere di rifocalizzare strettamente sull’omosessualità il movimento LGBTTIAAQK+), chiedendomi cosa ne pensassi del fatto che il gruppo italiano che su Facebook ha imitato il loro nome, “LGB Alliance Italy“, a suo dire scade troppo […]

Continua a leggere "“LGB” contro “T”?"

Tra due fuochi

In Ungheria Orban ha appena ottenuto la legge che proibisce di scrivere sui documenti, all’indicazione del sesso, altro che il sesso accertato alla nascita. Rendendo in questo modo impossibile la transizione anagrafica di sesso. Questa preoccupante notizia richiede riflessione e soprattutto dibattito. Al di là dei social media, dove estremizzare le posizioni è il requisito […]

Continua a leggere "Tra due fuochi"

Cosplay, non lesbismo

Piccola guida medica dal punto di vista quiirino, da una rivista: “Spesso la gente crede che le lesbiche non possano restare incinte, o che il sesso lesbico non possa dare origine a gravidanze. Questo è un mito basato sul preconcetto che entrambe le donne siano cisgender. Se una partner è transgender ed ha un pene […]

Continua a leggere "Cosplay, non lesbismo"

Quando la realtà supera la satira

Segnalo questa interessante analisi che parte come spunto dallo sketch dei Monty Python su “Loretta” (il guerrigliero antiromano che dichiara di essere donna e di volere partorire bambini) nel film Brian di Nazareth, del 1979. Ciò che nel film era presentato come satira del settarismo ideologico e parolaio della sinistra extraparlamentare, tanto più estremista a […]

Continua a leggere "Quando la realtà supera la satira"