Bilancio e riflessione su questo blog

Cinque anni fa, valutando che il mio sito, http://www.giovannidallorto.com, fosse più adatto come repositorio di documenti (soprattutto storici) che come strumento di polemica politica attuale, e che Facebook o Twitter fossero legati all’attimo presente e incapaci di stratificare una riflessione nel tempo, ho aperto questo blog, “A caccia di guai”.Volevo riflettere sull’attacco portato alla militanza […]

Continua a leggere "Bilancio e riflessione su questo blog"

Una nuova sentenza contro il bullismo online

Nel Regno Unito continua ad allungarsi la catena di sentenze di tribunale che sta ponendo chiari limiti a certi comportamenti online da parte di attivisti transqueer: https://grahamlinehan.substack.com/p/what-happened-to-caroline-farrow . Confesso che sto maturando sempre più la convinzione secondo cui certe esasperazioni meritevoli del tribunale hanno più a che fare col modo d’interagire incoraggiato dai social media […]

Continua a leggere "Una nuova sentenza contro il bullismo online"

Il passo indietro di Stonewall UK

(Foto di Fae, WikiCommons) La settimana scorsa è successa una cosa importante, nel Regno Unito.Nancy Kelley, amministratrice delegata di Stonewall UK (la più grande e potente ONG LGBT+ d’Europa), si è infine lasciata intervistata da un programma radiofonico della BBC (qui la registrazione).Questa è già di per sé una notizia, perché “Stonewall UK” è l’alfiere […]

Continua a leggere "Il passo indietro di Stonewall UK"

“Cancel culture” vs diritto al lavoro

La “Cancel Culture”, prima di essere adottata dalla sinistra, era nata a destra. Contro il fantomatico “Marxismo Culturale” che, a dire dei conservatori, stava “minando la società”.Questa notizia:https://t.co/JOrCqBwpKQ ce la mostra ormai adottata ovunque, a destra e a sinistra, a scapito del principio un tempo fondamentale nel marxismo vero, secondo cui nessuno può essere licenziato […]

Continua a leggere "“Cancel culture” vs diritto al lavoro"

L’inclusività come trucco

È ora di far caso a come, anche nelle piccole cose, la inclusivity pretesa dai queerini funzioni sempre a senso unico: a tutela degli spazi maschili e attaccando gli spazi femminili. Non è inclusività, è inglobamento, è “Reconquista“. Non è lo sport maschile che deve diventare inclusivo per far spazio alle donne trans (e ai […]

Continua a leggere "L’inclusività come trucco"

Fra i due litiganti…

Il litigio sul transattivismo è a tal punto un ping pong fra comunità LGBT e donne che a volte ci scordiamo dell’esistenza del terzo che gode: i maschi eterosessuali.Questo articolo scritto per “la Stampa” e ripreso (e MOLTO peggiorato con foto pecorecce) da “Dagospia”https://www.dagospia.com/rubrica-29/cronache/cose-dell-rsquo-altro-gender-ndash-gran-bretagna-reati-289550.htmha per lo meno il pregio di ricordarci chi rischia di ridere […]

Continua a leggere "Fra i due litiganti…"

Il DDL Zan e il nodo non sciolto dell'”Identità di genere”

Sul fatto che sia necessaria e urgente una legge che sancisca l’inaccettabilità sociale del bullismo, della discriminazione, della violenza contro chi è “diverso”, ho già avuto modo di dire in tempi non sospetti qui e altrove.Sul fatto che il testo di legge più adatto ad ottenerlo dovesse essere il DDL Zan, qualche dubbio l’ho avuto, […]

Continua a leggere "Il DDL Zan e il nodo non sciolto dell'”Identità di genere”"